Esperimento antropologico gratis

Stamattina sono uscita ed ho approfittato per scrutare un po’ la varia umanità che si risveglia a primavera. Si cammina per le strade e sembra di essere in un prato in cui i vari animaletti escono dal letargo e girano contenti in mezzo ai fiori, inebriati dal calore del sole.
Ho sempre pensato che il caldo non faccia bene alla gente, ed oggi ne ho avuto l’ennesima conferma. Passeggiare doverebbe essere equiparato ad un esperimento antropologico, esci, ti metti seduta ed osservi la gente passare. Ora non voglio fare la parte della criticona ma ci sono certe cose lontane dalla mia comprensione, vediamo se le condividete oppure no:

  • io lo so che siamo in primavera, ma il sandalo mi sembra un pò eccessivo no? Ma quelle stupende scarpe che si usano durante il passaggio dal freddo alla bella stagione dove sono? Forse esistono scarpiere divora scarpe e quelle povere donzelle sono “obbligate” ad uscire con un sandalo tacco 12 il 22 marzo?
  • I leggings. Vi prego qualcuno si adoperi ed organizzi dei corsi in cui spiegare che i leggings non sono dei pantaloni ma hanno la stessa funzione di un collant coprente, quindi vanno indossato con qualcosa che copra il sedere. Va bene, lo so che in giro ci sono dei fondoschiena fantastici, ma io vorrei vedere i suddetti solo con un contorno di sabbia, mare e ombrelloni. Ed inoltre dovrebbe saltare a piè pari gli adorati leggings chi è in sovrappeso: vi giuro che non aiuta neanche se li indossate neri.
  • Le over 65. Ma è davvero così brutto invecchiare? Non sarebbe meglio accettare le varie fasi della vita con serenità? Perchè vestirsi come adolescenti quando tuo figlio ti ha già reso nonna? Che fine ha fatto la sobrietà?
  • Seguire le mode. Io adoro i vestitini a fiori arricciati davanti ma, avendomi la natura dotata di un seno non piccolo, purtroppo non li posso indossare. O meglio, li potrei indossare ma mi starebbero tutto fuorché bene. Anche e un capo va di moda non siamo obbligati ad indossarlo, sarebbe meglio trovare un proprio stile, che valorizzi il nostro corpo e ci faccia stare bene in ogni occasione.
  • Bisognerebbe vietare per legge i ciuffi più alti di 10 cm. Ed anche le sopracciglia con la cicatrice finta. Ed anche le sopracciglia maschili più curate delle mie.
  • Finirà mai la moda dei pantaloni più bassi delle mutande? Non è una tendenza. Un giorno un ragazzo molto simpatico e molto magro è andato a scuola dimenticando di indossare la sua cintura, non voleva fare tendenza ma semplicemente rischiava ad ogni passo di perdere i pantaloni, da qui la famosa camminata a papera con le gambe un po’ larghe.
  • Ciao commessa che mi leggi, se entro in un negozio e mi segui come un segugio non mi convinci a comprare ma ad uscire. Lo so che è il tuo lavoro ma si può essere presenti anche  a distanza, giuro che non mi sentirò abbandonata.
  • E tu mamma, tu che giri con camicia e giacchina perchè mai vesti tuo figlio come se ti trovassi a Livigno a dicembre? Se tu senti caldo, anche la povera creatura nel passeggino avvertirà lo stesso calore e credo che il cappello di pile non sia molto gradito. Lui non te lo saprà dire ma io si.
Ps.oggi su Shine è uscita l’intervista che ho fatto ad Anna Venere, la bravissima creatrice del blog “Moda per Principianti”.