Felicità come stile di vita.

post signature

Scrivo questo post immaginando quello che diranno alcuni lettori, ma abbiate pazienza e per una volta leggete senza preconcetti.

Vi siate mai soffermati a pensare che si muore? E mica succede sempre a 90 anni e nel sonno. A volte capita che la vita ci metta di fronte a delle prove, che possono anche vederci uscire perdenti.
Se vi dicessero che morirete tra 1 mese che bilancio fareste della vostra vita?  E vi pentireste delle vostre scelte.

Sento spesso gente che si lamenta che la vita è difficile, che le fortune sono degli altri, pronti ad arrabbiarsi e a battagliare per cavolate, ma voi che avete fatto della polemica e dell’insoddisfazione il vostro mantra, vi soffermate mai a pensare che siete fortunati?
Fortunati perché siete vivi, perché potete vivere, perché lavorando sodo magari avete anche delle buone possibilità di scelta.
Perché alzando gli occhi potete gioire guardando un tramonto o un fiore che spunta da un marciapiede, perché avete degli amici che vi rispondono con un sorriso e che vi mandano a quel paese se fate delle cazzate.

Magari penserete che è retorica, non lo è.
Io penso davvero che la felicità sia allenamento, che sia frutto di una scelta consapevole.
Nella vita sono poche le cose che non hanno una soluzione, e perché allora perdere tempo senza godersi ciò che si ha, pensando magari a quello che non si ha?
E se una cosa non vi piace forse si può cambiare, magari con sacrifici, dormendo poco, stando con meno soldi, ma forse ci si riesce.
E se quello che vedete in giro non vi piace, invece di rimuginare che il mondo fa schifo ci si può organizzare e cercare di cambiarlo.
Magari non ci riuscirete, magari cambierete solo voi, ma non avrete rimpianti.

Qui piove ed io sono meteoropatica, ma stamattina ho deciso che non mi sarei buttata giù, perché la mente è più forte di un nuvolone grigio 😉

Buona giornata