Gli indispensabili nella cucina naturale e macrobiotica #lezione 2

La cucina macrobiotica, e in generale quella naturale, è una cucina d’amore, che ha come ingrediente principale la passione per gli ingredienti di qualità, la consapevolezza che il cibo è vita e la pazienza, ma anche avere gli strumenti giusti aiuta molto.

Una delle cose che non possono mancare nella vostra cucina sono delle ottime pentole, dal fondo spesso e di varie forme per cucinare al meglio i vari piatti. Devono essere di un ottimo acciaio, perché anche i materiali usati sono importanti nella riuscita di un buon piatto.

La pentola a pressione non dovrebbe mai mancare nelle cucine, primo perché aiuta a velocizzare i tempi di preparazioni che altrimenti sarebbero lunghissime, poi perché è un modo di cucinare sano e infine, perché ci permette di fare altre cose mentre le pietanze si cucinano, non essendoci il problema dei cibi che si attaccano o, peggio, si bruciano. So che tanti hanno timore, per il fatto che girano inquietanti storie su pentole scoppiate, ma ormai le pentole moderne sono dotate di più sistemi di protezione, e non può succedere nulla, a parte sbagliare i tempi di cottura.
Se ne avete due, e di diversa forma, sappiate che per cucinare i legumi è meglio quella più alta, mentre per i cereali quella più bassa ma dal fondo più largo.

Le padelle antiaderenti sarebbe preferibile usarle il meno possibile, perché meno naturali a causa del loro rivestimento, e in egual modo le pentole di terracotta che ormai si trovano quasi sempre solo smaltate.

source

Le pentole di pietra ollare vanno benissimo, essendo una pietra naturale e non trattata, ma i tempi sono molto lenti, e spesso noi ne abbiamo. L’unica accortezza prima di iniziare ad usare queste pentole è seguire dei piccoli accorgimenti, tutti spiegati qui

Per conservare i cibi prediligete il vetro, e usate il meno possibile alluminio e pellicola. I cibi in frigo potrete conservarli benissimo nei classici contenitori di vetro, e in mancanza un piatto andrà bene per coprire.

Uno stuoino in bambù è comodo sempre, sia per fare il sushi e arrotolare bene il riso e l’alga, sia da usare per far riposare i cibi in attesa di consumarli; lo spazio fra le listarelle farà passare l’aria, ma se utilizzato per gli impasti ad esempio, non farà seccare la superficie.

source qui

Un buon mortaio in pietra è perfetto per rendere più liscio il sale per le preparazioni che lo richiedono e per lavorare le spezie, mentre il suribachi è ottimo per fare il gomasio in casa.

Come vedete nulla o poco di diverso da ciò che normalmente si usa, ciò che invece serve è la consapevolezza che tutto ciò che noi mangiamo trasmette le proprie energie, e in egual modo anche gli strumenti utilizzati.