Bimbi nel lettone

Si riprendono i vecchi ritmi con la sveglia presto la mattina, il marito in giacca e cravatta e con il pc aperto all’alba. Staccare fa sempre bene, ci si ricarica e si raccolgono idee, si sta insieme senza fretta e si dimentica la sveglia per qualche giorno. Mi piace stare in casa, fare tutto con ritmi lenti, godermi la mia famiglia senza l’angoscia dei ritardi e senza dover prendere la macchina.

L’unica cosa su cui avrò dei problemi una volta finito questo fine settimana sarà convincere i figli che da domenica non possono più venire a dormire con noi, che se avessi un letto a 5 piazze ci penserei pure, ma con un letto normale e due figli che dormono come un blob non ce la faccio proprio.

Ora lo so che direte che non avrei dovuto farli venire, ma loro sono perfidi e mi svegliano in quella fase in cui sono reattiva come un bradipo in agonia, e l’unica mia reazione quando arrivano è accucciarmi nell’angolo e cercare di non cadere dal MIO letto.

Penso che adesso dovrò stilare una strategia di guerra, un elenco di piccoli ostacoli che possano farli desistere dall’occupare il mio talamo. All’inizio ho pensato di inchiodare le loro coperte dopo averli messi a dormire, tipo mummie ma c’è il problema della pipì notturna ed ho scartato l’idea.

Poi ho pensato di costruire una sagoma con la mia faccia arrabbiata che dice NO e metterla in corridoio, ma poi ho pensato che se mi dovessi alzare io nella notte non me ne ricorderei e avrei un infarto pensando che ci sia qualcuno in casa.

Sono passata in seguito all’idea di chiudermi a chiave, ma con la fortuna che mi ritrovo scoppierebbe un incendio e la mia serratura si bloccherebbe, e l’idea di me arrosto mi ha fatto passare oltre.

Ed ora sono qui, con gli occhi da panda ed ancora tanto sonno, mentre i miei figli dormono beatamente nel mio letto, e mi rendo conto che non so che fare. Da una parte mi piace sentirli dormire, ma trattandosi di una piccolissima parte, vince la mia voglia di mandarli via, ed ho paura che l’unica soluzione che funzionerà davvero sarà quella di urlare come un’aquila alle 2 di notte e rimandarli nei loro letti.

E magari disseminare qualche puntina prima della mia porta nel caso ci dovessero riprovare 😉