I terrible two…e three, four, five

Alzi la mano chi non è arrivato alla soglia dei due anni terrorizzato all’idea dei terrible two.

Io avevo sentito storie tremende, di bambini posseduti e di crisi isteriche ad ogni ora del giorno, roba da mettere paura anche alla mamma più intrepida, e poi quando nana grande ha raggiunto la fatidica età non è successo niente di particolare, niente capelli strappati, niente capricci degni di essere ricordati, niente di troppo diverso dal solito insomma. Ed allora sono arrivata ad una mia conclusione, all’idea che questa storia della fase dei due anni sia uno stratagemma per preparare i genitori a tutto quello che verrà dopo.

Questa storia dei terrible two è vera fino alla curva, perché dopo i famosi terrible two, seguono i three, i fuor, i five, i ten e via fino ad arrivare alla maturità.

Ogni età ha i suoi capricci, e non è che una volta superata la soglia dei 36 mesi tutto passi, anzi semmai i capricci diventano peggiori perché crescendo i bambini diventano sempre più dei piccoli adulti. Ed allora direte voi non se ne esce? No, non se ne esce nella misura in cui si aspetta che questa fase terrible finisca, ma se ne esce imparando e accettando che i bambini sono così, che fare i capricci è il loro modo di crescere e di imparare, ed anche di prendere le misure del nostro modo di relazionarci con loro.

A noi il compito di non sclerare troppo, e magari cercare di interpretare certi loro capricci come richieste di aiuto. Ma visto che nella maggior parte dei casi non chiedono aiuto ma li fanno e basta, qual è la migliore tecnica di sopravvivenza? Ma ignorarli ovvio!

Ignorate gente, ignorare is the new black. Loro si buttano a terra colti da un’immaginaria crisi epilettica? Scavalcate e passate oltre. Loro non vogliono mangiare e si fanno venire i conati di vomito come se nel loro piatto ci fossero intestini di pecora crudi? Ignorate e lasciateli digiunare, mai nessun bambino è morto di fame saltando un pasto.

Funziona quasi sempre, e sono sicura che siamo capaci di capire se voglio dirci qualcosa no? Ma vi prego basta con questa mania di psicanalizzare tutto, di rendere tutto più complicato, i bambini crescono così, a noi è concesso qualche divieto durante l’adoloscenza per vendicarci 😉