Pensieri da mamma in vacanza

Leggo spesso critiche alle madri che osano lamentarsi, a quelle che hanno il coraggio di dire che certi giorni è davvero difficile. Non sempre si riescono a passare giorni con il sorriso stampato, senza mai gridare, bevendo limonata fresca magari mentre si costruiscono castelli di sabbia e si cerca di non perdere mai di vista i figli che vanno in direzioni opposte.

Le vacanze estive mettono alla prova, o perlomeno per me è così, il fatto di avere due figli sempre con me h24 per tre mesi non sempre è facile, ci sono giorni che sono davvero complicati e che non vedo l’ora che quella lancetta segni le 21, che poi le 21 non sono mai, ma questo è una altro problema.

Avere bisogno di momenti sono per me non mi fa sentire una madre peggiore, non mi fa nascere sensi di colpa, non penso di non apprezzare il grande dono che ho, voglio semplicemente staccare ogni tanto, voglio fare la pipì senza nessuno che mi chieda l’acqua in quel minuto e mezzo in cui sto seduta, e senza dover pensare due volte al giorno cosa cucinare.

L’altra sera ho letto uno scambio di battute su un social, e gente, evidentemente senza figli, criticava un post che io invece ho trovato vero ed ironico, uno di quelli che mi piace leggere così non mi sento sola in quei momenti in cui mi sembra tutto difficile anche se in realtà non lo è, e come sempre succede mi sono meravigliata di certe posizioni di pensiero. Una madre farebbe qualsiasi cosa per i figli, qualsiasi, ma ciò non toglie che sentire litigare due bambini ogni giorno, più volte al giorno per tre mesi a volte sia sfiancante, non è che li amo di meno se mi arrabbio quando ci mettono un’ora a finire un piatto di pasta, o rovesciano un litro di liquido per le bolle in terrazza, o smontano i letti per costruire una tenda.

Si può amare e aver bisogno di staccare, divertirsi a fare una buca e sognare un pomeriggio passato a leggere un libro sotto l’ombrellone da soli, ed io lo dico senza vergogna, senza paura che chissà cosa si potrà pensare, lo dico con la calma di chi sa che quasi tutte le mamme che passeranno di qui mi daranno ragione.

Ora vi saluto, inizia la giornata 😉