Amori cittadini e amori partoriti

bimbi e san pietro

Quando 15 anni fa decisi in quale università iscrivermi ero indecisa tra Siena e Roma, ed alla fine ha vinto la città eterna, con tutte le cose che questa scelta ha comportato. La vita è fatta di tantissime scelte, alcune grandi che cambiano poco, altre piccole che invece sono decisive, anche se magari non ce ne accorgiamo subito. Durante le feste ho portato i bambini a vedere l’albero a San Pietro, ed io ogni volta mi incanto in quella piazza, così grande, piena di storia e di ricordi personali. Io quella piazza l’ho vista e guardata ogni giorno durante tutti gli anni dell’università, ed ogni volta dedicavo anche solo pochi secondi a guardare tanta magnificenza. E lo stesso sguardo di stupore e ammirazione l’ho visto sul volto dei miei figli davanti a quella facciata, alla gente in fila e in genere a quell’atmosfera magica che si respira.

Roma è una città strana, ci si può vivere per anni ma non conoscerla, si possono attraversare le sue strade e non vederla ma solo subirla. E’ una città difficile, che a volte si odia ma quando si ama lo si fa senza barriere. Come i grandi amori, quelli che sai che sono giusti anche se ti fanno arrabbiare, se delle volte pensi che stai facendo una grande cazzata ma il tuo cuore lo sa che hai ragione. Roma è un amore complicato, ma che ti riempie il cuore, e una volta conosciuta sai che non potrai più farne a meno, perché ti entra dentro e tu sei la prima a non volerla fare uscire.

E tanti dicono che loro in mezzo al caos non ci potrebbero vivere, che le distanze sono immense e che esistono tante altre belle città, ma tu la ami e sai che ormai ogni altra cosa sarebbe scialba al suo confronto. Così come quando ti vedi da madre, che prima di diventarlo non pensavi di poter amare in un modo così incondizionato, ed invece ti rendi conto che è proprio così e non puoi più tornare indietro ma solo aggiungere amore.

Ed io l’altro giorno, davanti a quella piazza piena di gente ma sola con i miei figli ho pensato che sono fortunata ad amare così tanto. Magari un amore difficile, che ti fa arrabbiare, imprecare, pensare che il tuo paesino da poche anime ti renderebbe la vita più semplice, ma i grandi amori non li scegli, sono loro che scelgono te.