Inizi, colori e parole strane

via nazionale

Silenzio.

Non sembra vero, ma sono di nuova sola in casa, con 200 cose arretrate da fare, ma le farò in silenzio. I buoni propositi li lascio agli altri, tanto io non li rispetto mai, quindi mi risparmio la fatica, però gli auguri sono un obbligo 😉

Vi auguro un anno pieno di normalità, di mattine con occhi cisposi con il solo pensiero di fare tardi, di passeggiate lente, di bei film ed ottimi libri. Un anno di bei pensieri, di incontri felici, di immagini che creano stupore. Non sempre serve tanto, io più delle volte basta poco, condito con un po’ di meraviglia.

Vi auguro di avere la forza di dare meno spazio ai pregiudizi, mettere in un angolo l’auto-sabotaggio e ricaricare l’ironia. Non prendetevi troppo sul serio, non è divertente e non vi rende più simpatici.

Cercate il piacere in parole nuove, usate di più la parola plumbeo, sdrucciolevole ed empatia, mixate bene e non dimenticate il tempo dei verbi.

Non sempre le strade migliori sono quelle di cui si vede la loro fine, spesso i vicoli sconosciuti nascondono tesori e belle scoperte.

Imparate a cucinare, fatelo per voi stessi e la tovaglia triste vi ringrazierà, io comprerò uno schiaccia aglio e un aggeggio per fare spaghetti di verdure. So che mi stanno aspettando.

Basta con la cattiva musica, le belle melodie fanno bene all’anima, non abbrutitevi con le sette note combinate male, gioite e continuerete a farlo.

Non pensate che tutto sia dovuto, in verità nulla lo è. Un cambio rotta del pensiero potrebbe dare una svolta inaspettata alla vostra esistenza.

Colore. Se lo indossate non è peccato, ve lo giuro 😉

Ubriacatevi solo di cose belle, il mondo ne è pieno, basta aprire gli occhi e cercare. Rimanere fermi ad aspettare porta alla formazione di piaghe ma non alle belle scoperte della vita.

Usate la fantasia, via la normalità e spazio ad un po’ di follia. Esiste la pazzia bella e divertente, fatela entrare nella vostra vita.

Mischiate tutte come meglio credete!

Io, dal canto mio, ho ricominciato all’università, quindi mi faccio un mega in bocca al lupo da sola 🙂