Amicizie (sur)reali e selfie rubati

Venerdì e sabato c’è stato il consueto appuntamento annuale con il mammacheblog, a cui io quest’anno non sono potuta andare. Dalle foto e dai corsi sono state due giornate memorabili, cosa che non mi sorprende, conoscendo la capacità organizzativa di Fattore Mamma; la cosa che mi ha sorpreso è essere stata presente anche se a 500 km di distanza. apro Facebook e mi arriva la notifica di un tag, apro la foto, anzi le due foto, e mi vengono le lacrime agli occhi per la commozione. Le mie amiche, consapevoli che ero giù e triste, hanno fatto una foto ed hanno inserito pure me. Io sono una persona con la lacrima facile, ma vi assicuro che nemmeno voi avreste resistito all’occhio lucido.

selfie milano

Leggo spesso commenti sul fatto che le amicizie in rete, siano virtuali e poco sincere, che una persona non la puoi davvero conoscere se non la frequenti, che uno schermo davanti alteri tutto e bla bla bla bla. Io sono stata fortunata, una di quelle fortune sfacciate proprio, perché non ho conosciuto sono nick o blogger in rete, ho conosciuto delle grandi persone, alcune delle quali diventate grandi amiche, quelle che con cui ti chiami alle 11 di sera, quelle che ti dicono che le scarpe che hai comprato fanno schifo (cosa che non è vera), che ci sono sempre anche nei momenti in cui sei giù e loro lo sanno. Aprire questo blog è stata la cosa migliore che potessi fare, mi ha reso migliore di quella che ero e mi ha fatto crescere, il confronto con gli altri lo fa sempre.

selfie milano 2

Io sono sempre stata una persona socievole, però l’idea che fosse possibile conoscere davvero una persona stando seduti davanti ad un monitor sembrava strana pure a me, lo riconosco. Invece il web è tale e quale alla vita reale, perché la natura delle persone viene sempre fuori, anche quando si sbattono dita su una tastiera. Ci stanno le persone irose, quelle criticone, le finte simpatiche, quelle a cui daresti un mattarello sui denti , quelle di cui ti innamori perché scrivono benissimo, quelle che ti fanno ridere e quelle che entrano nella tua vita e ci rimangono. Le Amiche che si sogna di avere da bambina, quelle che si vedono nei film da adulte che ogni tanto scappano da tutto e stanno insieme per ricaricarsi, quelle che sono le prime che si chiamano per festeggiare i compleanni.

Si sbaglia come nella vita reale, e non sempre si riesce a rimediare agli errori, ma ci si prova. Si piange, perché le emozioni fanno questo effetto, si ride tanto e si pensa che questa cosa “dell’internet” sia una figata pazzesca 😉