Guardare con gli occhi aperti

Si dice spesso che la vita è una e bisogna viverla nel modo più grandioso possibile, che bisogna saper cogliere le opportunità quando passano e cose così. Io l'altro giorno mi sono resa conto che ci sono tante nascite, tanti piccoli passaggi durante i quali ti rendi conto di avere una nuova possibilità. Sono quegli attimi in cui ti accorgi che una piccola parte della tua vita si è resettata, e tu puoi riprendere da quel punto esatto, come se aprissi gli occhi di nuovo, con l'esperienza di vita fatta.

Credo che impegnarsi a riconoscere quei momenti ci farebbe stare bene, avremmo la consapevolezza continua delle nostre priorità, delle cose per cui vale veramente la pena essere felici e grati. Una specie di terapia d'urto per scemare le cose importanti dalle cazzate a cui spesso diamo troppa importanza. E non vuol dire vivere in modo spericolato, non avere regole e cose così, si tratta di vivere sapendo in ogni istante quanto sia bello e prezioso, sapendo che le lamentele non ci faranno essere più felici, e che delle volte basta veramente una noiosa normalità per farci sentire vivi.

Piccoli attimi in cui si mette un punto, momenti di passaggio, a volte piccoli ma delle volte fondamentali, in cui piccole scosse percorrono i nostri pensieri e ci regalano consapevolezza, quelli in cui siamo dentro un ascensore e decidiamo se salire o scendere.

A volte basta poco, a volte basta guardarsi intorno ma con gli occhi aperti.